Acque pubbliche

Lo studio offre assistenza nelle controversie dinanzi al Tribunale Superiore delle Acque Pubbliche concernenti la demanialità delle acque; le controversie aventi ad oggetto qualunque diritto relativo alle derivazioni e utilizzazioni di acqua pubblica; le controversie riguardanti la occupazione di fondi e le conseguenti indennità; le controversie per risarcimenti di danni dipendenti da qualunque opera eseguita dalla pubblica amministrazione.

Inoltre, è specializzato nei ricorsi per incompetenza, per eccesso di potere e per violazione di legge avverso i provvedimenti presi dalla amministrazione in materia di acque pubbliche; sui ricorsi, anche per il merito, contro i provvedimenti dell'autorità amministrativa riguardanti l'esecuzione di opere idrauliche e in tema di contravvenzioni che alterino lo stato delle cose, nonché contro i provvedimenti adottati dall'autorità amministrativa in materia di regime delle acque pubbliche; sui ricorsi in materia di diritti esclusivi di pesca e, infine, per le controversie relative alle acque pubbliche sotterranee e per quelle concernenti la ricerca, l'estrazione e l'utilizzazione delle acque sotterranee nei comprensori soggetti a tutela.

News dello studio

nov30

30/11/2020

Webinar su Le società in partecipazione pubblica

Nell’ambito del corso di laurea magistrale in Contabilità dello Stato tenuto dalla Prof.ssa Livia Lorenzoni presso il Dipartimento di Scienze Politiche dell'Università di Roma Tre, il

nov23

23/11/2020

Webinar La “bollinatura” della Ragioneria generale dello Stato

Nell’ambito del corso di laurea magistrale in Contabilità dello Stato tenuto dalla Prof.ssa Livia Lorenzoni presso il Dipartimento di Scienze politiche dell'Università Roma Tre, il

ott27

27/10/2020

La disciplina dell'annullamento in autotutela con particolare riferimento alle concessioni demaniali marittime

Gli elementi contrattuali della concessione demaniale devono permettere la remunerazione del concessionario, anche attraverso una corretta previsione della durata del rapporto concessorio. L’annullamento